ARTIGIANATO TOSCANA: Regolamento EBRET 2019


Pubblicato il 16/7/2019 dall’Ente Bilaterale dell’Artigianato Toscano, il Regolamento 2019 delle prestazioni EBRET di livello regionale.

Con tale Regolamento EBRET sono state confermate le tipologie di intervento: acquisto di testi scolastici, innovazione aziendale, ripristino del ciclo produttivo a seguito di calamità naturali, astensione per maternità ed allungati i termini di presentazione delle domande.
Come previsto dal proprio Regolamento, l’EBRET interviene per:
Livello B – “Regionale”
Livello B1b: Contributo per acquisto di testi scolastici
Livello B2a: Innovazione aziendale
Livello B2b: Ripristino del ciclo produttivo a seguito di calamità naturali
Livello B2c: Contributo per astensione per maternità


Livello B “Regionale”: possono richiedere tali prestazioni le aziende che, al momento della presentazione della domanda, abbiano regolarmente versato la contribuzione EBNA tramite F24 almeno per le ultime 24 mensilità dovute o che – nel caso di aziende che abbiano iniziato l’attività con dipendenti da meno di 24 mesi – abbiano versato tutti i mesi nei quali sussisteva per esse l’obbligo di adesione all’EBRET. Nel caso di mesi non coperti da contribuzione, l’impresa deve provvedere a sanare le quote mensili non versate. Tale sanatoria, ai fini del diritto alla prestazione, è ammissibile solamente se le mensilità EBNA già versate dall’azienda nei 24 mesi antecedenti alla domanda di intervento sono almeno 8.


Livello B1b – Contributo per acquisto di testi scolastici: possono richiederlo i dipendenti di aziende artigiane regolarmente iscritte all’EBRET. Il contributo riguarda i testi scolastici di scuola media inferiore o superiore dell’anno scolastico 2019/2020, arriva fino ad un massimo di 170 euro ed ogni dipendente può presentare domanda per un solo componente del proprio nucleo familiare. La domanda va inviata entro e non oltre il 31/12/2019 da un indirizzo pec a ebret@pec.it, oppure in originale cartaceo ad EBRET, Via del Ponte di Mezzo 56, 50127 Firenze.


Livello B2a – Innovazione aziendale: le aziende che hanno diritto all’intervento dell’EBRET ottengono un contributo del 10% dei costi sostenuti per innovazione aziendale fino ad un massimo di 2.600 euro. La domanda va inviata entro e non oltre il 29/2/2020 da un indirizzo pec a ebret@pec.it, oppure in originale cartaceo ad EBRET, Via del Ponte di Mezzo 56, 50127 Firenze.


Livello B2b – ripristino del ciclo produttivo interrotto a seguito di calamità naturali: In favore dell’azienda si prevede un contributo per interventi per ripristino del ciclo produttivo interrotto a seguito di calamità naturali nella misura del 30% dei costi sostenuti e per un importo massimo pari a 5.200 euro. La domanda va inviata da un indirizzo pec a ebret@pec.it (oppure in originale cartaceo ad EBRET, Via del Ponte di Mezzo 56, 50127 Firenze) entro e non oltre i 90 giorni rispetto al giorno in cui si è verificato l’evento.


Livello B2c – Contributo per astensione per maternità: l’intervento è a favore delle imprese iscritte le cui titolari, o loro assimilate, accedano alle prestazioni di cui all’art. 66 del D.Lgs. 151/01. Il contributo EBRET è pari ad Euro 1.600. La domanda va inviata entro e non oltre il 29/2/2020 da un indirizzo pec a ebret@pec.it, oppure in originale cartaceo ad EBRET, Via del Ponte di Mezzo 56, 50127 Firenze.

INPS: simulatore del riscatto di laurea


Disponibile, sul Portale INPS, il simulatore del riscatto di laurea, attraverso il quale è possibile calcolare l’ammontare della somma da versare al fondo pensionistico di appartenenza per riscattare gli anni universitari. Attraverquesto strumento l’utente potrà valutare se valorizzare o meno il periodo del proprio corso di studi ai fini pensionistici.


Possono simulare l’onere di riscatto, per i periodi che si collocano nel sistema contributivo, sia gli iscritti alla gestione privata che a quella pubblica. Per gli iscritti al Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti e alle gestioni speciali di artigiani, commercianti, coltivatori diretti e coloni mezzadri, la funzionalità è stata estesa ai periodi collocati nei sistemi retributivo e misto.
Per utilizzare il simulatore bisogna accedere al servizio “Riscatto di laurea”, tramite codice PIN, SPID o CNS, e cliccare su “Simulazione calcolo” nel menu a sinistra.
Una volta selezionata la gestione previdenziale, occorre inserire anno di iscrizione all’università, numero di rate in cui frazionare il pagamento, periodo o periodi da riscattare afferenti lo stesso anno solare. L’utente deve inoltre dichiarare l’esistenza di eventuali periodi di anzianità estera o anteriore al 1° gennaio 1996 ed infine cliccare sul pulsante “Calcola l’onere del tuo riscatto di laurea”. Ricordiamo che l’importo è orientativo e potrebbe discostarsi da quello effettivo, comunicato a seguito della presentazione della domanda di riscatto.


L’Inps rende noto che da marzo risultano aumentate le simulazioni dei riscatti di laurea da parte degli utenti. Il picco, secondo le statistiche, riferite alla sola gestione privata, si è registrato ad aprile (Comunicato Inps 16 luglio 2019).

Agricoli: scadenza bando per il finanziamento formazione obbligatoria dell’EBAN

Scade il 31 luglio il bando per il finanziamento delle attività formative obbligatorie in materia di salute e sicurezza sul lavoro disposto dall’EBAN per gli operai Agricoli e Florovivaisti

L’E.B.A.N. (Ente Bilaterale Agricolo Nazionale) ha disposto il bando per il finanziamento delle attività formative obbligatorie in materia di salute e sicurezza sul lavoro
Sono ammessi progetti aziendali, di gruppo/rete e territoriali con massimali di finanziamento differenziati per tipologia e ogni azienda agricola potrà richiedere solo un finanziamento e può partecipare ad un solo progetto. I gruppi aziendali, le aziende legate da un contratto di rete e i progetti territoriali presentati dagli Enti o Agenzie formative possono ricevere nel massimo un finanziamento di € 30.000;
Il bando precisa che le domande per il finanziamento devono essere inviate con posta elettronica certificata all’indirizzo enteeban@pec.it a partire dalle ore 9:00 del 16 luglio 2019 e fino alle ore 18:00 del 31 luglio 2019 (la documentazione dovrà poi essere inviata successivamente in formato cartaceo, con raccomandata con ricevuta di ritorno, presso la sede di EBAN – Via Flavia 3; 00187 Roma – deve essere spedita entro le ore 18:00 del 20 settembre 2019).

Reddito di cittadinanza e percorso formativo a distanza


Relativamente al reddito di cittadinanza, sul portale Cliclavoro è disponibile la “Formazione di base sul Patto per l’inclusione sociale”, un percorso formativo a distanza, completamente gratuito, indirizzata agli operatori di Comuni, consorzi, aziende speciali, Ambiti territoriali, nonché ai responsabili della programmazione sociale e dell’organizzazione dei servizi.


In particolare, con tale percorso formativo il Ministero del lavoro ha l’obiettivo di fornire indicazioni teoriche e pratiche sull’utilizzo dei nuovi strumenti operativi per la definizione dei Patti per l’inclusione sociale, favorendo così un’attuazione omogenea, su tutto il territorio nazionale, degli interventi di contrasto alla povertà previsti dal Reddito di Cittadinanza.
Il piano di studi prevede 7 moduli sviluppati in modalità interattiva: 1. Introduzione al Reddito di Cittadinanza; 2. Analisi preliminare; 3. Quadro di analisi; 4. Patto per l’inclusione sociale; 5. Patto per l’inclusione sociale semplificato; 6. Presa in carico specialistica; 7. Attivazione di servizi e interventi.
Attraverso giochi, quiz ed esempi di casi di studio tratti da esperienze reali, l’utente potrà confrontarsi con situazioni analoghe a quelle che fronteggia nella vita di tutti i giorni, allenando le proprie capacità di gestire le criticità.
Attualmente sono online i moduli 1, 2, 3 e 4.
I restanti moduli saranno disponibili nei prossimi mesi. Per seguire la formazione online occorre registrarsi al portale Cliclavoro e seguire le istruzioni.


Prorogata l’erogazione dell’EET per le aziende artigiane alimentari del Veneto

Prorogata, a decorrere dal mese di luglio, l’erogazione dell’elemento economico territoriale (EET) per i dipendenti delle imprese della regione Veneto del settore alimentare artigiano.

Il CCRL 14/4/2017, in scadenza al 30/6/2019, viene prorogato in tutte le sue parti al 31/3/2020.
In particolare l’ERT per i dipendenti del settore alimentare artigiano e del settore panificazione continuerà ad essere erogato nelle modalità e nei valori previsti dal citato CCRL e mantiene le caratteristiche indicate nell’accordo appena citato, ovvero i seguenti
Il contratto regionale per i dipendenti dalle imprese artigiane e dalle imprese non artigiane che occupano fino a 15 dipendenti del settore Alimentare e per i dipendenti delle imprese della Panificazione del Veneto ha previsto l’erogazione di un elemento regionale transitorio (ERT) da corrispondere ad operai, impiegati e quadri per le ore effettivamente lavorate sino al 30/6/2019.