LAVORO DOMESTICO: I NUOVI MINIMI RETRIBUTIVI

Sottoscritto il 6/2/2014, presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, tra FIDALDO, DOMINA, FEDERCOLF e FILCAMS-CGIL, FISASCAT-CISL e UILTUCS, l’accordo per la determinazione dei nuovi minimi retributivi derivanti dalla variazione del costo della vita e da applicare ai lavoratori domestici, secondo quanto previsto dall’art. 37 del CCNL 16/7/2013.

Il CCNL del Lavoro Domestico 16/7/2013, all’art. 37, stabilisce che le retribuzioni minime contrattuali e i valori convenzionali del vitto e dell’alloggio, sono variati, da parte della Commissione nazionale per l’aggiornamento retributivo secondo le variazioni del costo della vita per le famiglie di impiegati ed operai rilevate dall’ISTAT al 30 novembre di ogni anno.
Inoltre nei Chiarimenti a Verbale in calce al suddetto CCNL di settore, le parti prevedono l’aggiornamento degli attuali minimi retributivi in misura di euro 7,00 con decorrenza dall’1/1/2014, per i lavoratori conviventi inquadrati nel livello BS della tabella A, ed in misura proporzionale per gli altri livelli/tabelle. Di conseguenza l’aggiornamento retributivo di cui all’art. 37 del CCNL in esame, deve essere effettuato sui minimi retributivi comprensivi degli aumenti pattuiti, come da accordo.

Pertanto, in applicazione di tali disposizioni contrattuali, la Commissione ha aggiornato, con decorrenza 1/1/2014, le tabelle A, B, C, D, F e G, del CCNL, comprensive dei valori convenzionali di vitto e alloggio sulla base dei dati ISTAT rilevati a novembre 2013 (0,6%), secondo il seguente prospetto.

TABELLA A – Lavoratori conviventi

LivelliValori mensiliIndennità
A614,86 
AS726,66 
B782,55 
BS838,45 
C894,36 
CS950,25 
D1.117,93165,31
DS1.173,83165,31

TABELLA B – Lavoratori di cui art. 15 – 2° co.

LivelliValori mensili
B558,97
BS586,91
C648,39

Si tratta di lavoratori conviventi inquadrati nei livelli C, B e B super, nonché di studenti di età compresa fra i 16 e i 40 anni frequentanti corsi di studio al termine dei quali viene conseguito un titolo riconosciuto dallo Stato ovvero da Enti pubblici, che possono essere assunti in regime di convivenza anche con orario fino a 30 ore settimanali.

TABELLA C – Lavoratori non conviventi

LivelliValori orari
A4,47
AS5,27
B5,59
BS5,93
C6,26
CS6,58
D7,60
DS7,93

TABELLA D – Assistenza notturna – Valori mensili

LivelliAutosufficientiNon autosufficienti
BS964,22 
CS 1.092,78
DS 1.349,92

 

TABELLA E – Presenza notturna – Valori mensili

Livello
Liv. unico645,61

 

TABELLA F – Indennità vitto e alloggio

IndennitàValori giornalieri
Pranzo e/o colazione1,88
Cena1,88
Alloggio1,63
Totale5,39

TABELLA G – Casi di copertura

LivelliValori orari
CS7,14
DS8,81

Si tratta dei casi di assistenza a persone non autosufficienti, con prestazioni limitate alla copertura dei giorni di riposo dei lavoratori titolari.

Firmata l’ipotesi di rinnovo CCNL Cuoio e Pelli Industria

 

Siglata il 24/1/2014 tra l’AIMPES e la FILCTEM-CGIL, la FEMCA-CISL, la UILTEC-UIL, l’ipotesi di rinnovo del CCNL per gli addetti alle industrie manifatturiere delle pelli e succedanei.

I minimi di paga o stipendio sono stati incrementati degli aumenti secondo le seguenti decorrenze:

LivelliAumenti dall’1/1/2014Aumenti dall’1/1/015Aumenti dall’1/7/2015Totale aumenti
 (26,79%)(53,57%)(19,64%)(100%)
abcd (a+b+c)
38,0276,0327,88141,93
34,5269,0425,32128,88
4° S32,4764,9323,81121,21
31,6563,2923,21118,15
30,0060,0022,00112,00
28,3656,7220,79105,87
17,0534,1112,5163,67

 

Di conseguenza sono in vigore i nuovi Elementi Retributivi Nazionali Conglobati (ERNC) secondo le seguenti decorrenze:

LivelliMinimo dall’1/1/2014Minimo dall’1/1/2015Minimo dall’1/7/2015
1.888,871.964,901.992,78
1.707,961.777,001.802,32
4° S1.600,411.665,341.689,15
1.564,671.627,961.651,17
1.498,701.558,701.580,70
1.423,641.480,361.501,15
1.145,111.179,221.191,73

Una Tantum

Per i lavoratori in forza alla data del 14/1/2014 è prevista la corresponsione di un importo forfetario Una tantum di euro 300,00 lordi da erogarsi su due rate di pari importo:
– euro 150,00 con la retribuzione di febbraio 2014;
– euro 150,00 con la retribuzione di giugno 2014.
Per i lavoratori con contratto a tempo parziale (part-time) l’importo forfetario è riproporzionato all’orario concordato.

Elemento di Garanzia Retributiva (EGR)

Con la retribuzione del mese di maggio 2014, febbraio 2015 e febbraio 2016, è stato riconosciuto un importo pari a € 200,00 lordi, a titolo di “Elemento di Garanzia Retributiva (EGR)”, a favore di tutti i lavoratori in forza dal 1°gennaio al 31 dicembre dell’anno precedente all’erogazione e dipendenti da aziende prive della contrattazione aziendale o territoriale e che non percepiscono altri trattamenti economici individuali o collettivi. Sarà altresì riproporzionato per i lavoratori a tempo parziale in base al minor orario contrattuale. Le aziende in situazione di crisi rilevata nell’anno precedente l’erogazione e/o nell’anno di competenza dell’erogazione, che hanno fatto ricorso agli ammortizzatori sociali (mobilità inclusa) o abbiano formulato istanza per il ricorso a procedure concorsuali di cui alla Legge fallimentare, nel corso di apposito incontro, anche durante l’espletamento delle procedure per l’utilizzo degli ammortizzatori sociali, potranno definire con RSU e/o OOSS di categoria la sospensione, la riduzione o il differimento della corresponsione dell’EGR per l’anno di competenza.

Autoliquidazione e premi speciali Inail, il rinvio dei termini è confermato

Confermato il differimento al 16 maggio 2014 del termine per il pagamento dei premi e contributi assicurativi dovuti, con effetto dal 1° gennaio 2014.

In particolare, è confermato il differimento al 16 maggio 2014:
– del termine del 17 febbraio 2014 per il versamento tramite F24 e F24EP dei premi ordinari e dei premi speciali unitari artigiani di autoliquidazione 902014, sia per il pagamento in unica soluzione che per il pagamento delle prime due rate ai sensi delle Leggi 449/1997 e 144/1999;
– del termine del 17 marzo 2014 per la presentazione telematica delle dichiarazioni delle retribuzioni 2013 tramite i servizi “Alpi online” e “Invio telematico dichiarazione salari”, per comunicare la volontà di avvalersi del pagamento rateale dei premi ai sensi delle Leggi 449/1997 e 144/1999 e per chiedere la riduzione (per la regolazione 2014) prevista dall’articolo 1, commi 780 e 781, della Legge n. 296/2006 a favore delle imprese artigiane;
– dei termini con scadenza compresa tra il 16 febbraio e il 16 aprile 2014 per il pagamento dei premi speciali anticipati per il 2014 relativi alle polizze scuole, apparecchi RX, sostanze radioattive, pescatori, facchini nonché barrocciai/vetturini/ippotrasportatori;
– del termine del 30 aprile 2014 per l’invio telematico degli elenchi relativi alla regolazione del primo trimestre 2014 delle polizze speciali facchini e delle polizze speciali barrocciai/vetturini/ippotrasportatori.
Di seguito, si forniscono ulteriori istruzioni operative per alcuni casi e adempimenti particolari.

L’autocertificazione per la riduzione del premio dell’11,50% per il settore edile deve essere trasmessa entro il 16 maggio 2014, via PEC alla sede Inail competente, contestualmente al pagamento del premio 902014 e quindi alla fruizione dell’agevolazione sul premio dovuto a titolo di regolazione 2013. L’Inail ricorda che la riduzione dell’11,50% per il settore edile, confermata per l’anno 2013 dal D.M. 26 agosto 2013, non si applica nei confronti dei datori di lavoro che abbiano riportato condanne passate in giudicato per la violazione della normativa in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro per la durata di cinque anni dalla pronuncia della sentenza.

In conseguenza del differimento al 16 maggio 2014 dell’autoliquidazione 902014, le imprese artigiane che dovessero cessare l’attività tra il 1° gennaio e il 16 maggio 2014 possono versare il premio anticipato a titolo di rata rapportato ai mesi di effettiva attività esercitata nello stesso periodo. Se, ad esempio, l’attività cessa a maggio 2014, il premio potrà essere autoliquidato in misura pari a cinque dodicesimi del premio annuale. Se l’artigiano ha lavorato anche per un solo giorno del mese, il premio è dovuto per tutto il mese.

In caso di cessazione a gennaio o a febbraio 2014, il termine per l’autoliquidazione del premio dovuto a titolo di regolazione 2014 e quello per la presentazione delle dichiarazioni retributive relative al minor periodo di attività non può che essere differito al 16 maggio 2014, data alla quale dovrà essere autoliquidato il premio di rata 2014; rimangono, invece, immutati i termini in caso di cessazione da marzo 2014 in poi.
Gli interessati, infatti, sono tenuti a presentare le dichiarazioni retributive 2014 e ad effettuare l’autoliquidazione del premio a titolo di regolazione entro il 16 del secondo mese successivo a quello di cessazione.
Per le cessazioni intervenute nel corso del mese di dicembre 2013, infine gli interessati dovranno inviare via PEC nei termini consueti la dichiarazione delle retribuzioni effettivamente corrisposte dal 1° gennaio 2013 alla data di cessazione, e cioè entro il giorno 17 febbraio 2014, contestualmente all’autoliquidazione del premio dovuto a titolo di regolazione.

I premi per i lavoratori somministrati relativi al 4° trimestre 2013 non sono interessati dal differimento al 16 maggio 2014, pertanto le società di somministrazione devono versare detti premi entro il 17 febbraio 2014.

A decorrere dall’anno 2013, l’addizionale per il Fondo amianto a carico delle imprese è fissata nella misura dell’1,17%, da applicare sia al premio di regolazione 2013 sia al premio di rata 2014.

Saranno predisposte nuove “Basi di calcolo premi”, nelle quali sarà specificato se la riduzione spetta e in che misura, ai fini della determinazione del premio dovuto a titolo di rata 2014. Le nuove Basi di calcolo saranno inviate ai soggetti assicuranti in tempo utile per la nuova scadenza del 16 maggio 2014 e saranno altresì disponibili per gli utenti con i servizi Visualizza basi di calcolo e Richiesta basi di calcolo.

Per quest’anno, ai soggetti assicuranti con inizio attività tra il 10 e il 31 dicembre 2013 saranno inviate le nuove basi di calcolo in tempo utile per l’autoliquidazione al 16 maggio 2014. Pertanto, non si farà luogo alla c.d. autoliquidazione di giugno, non necessaria.

EDILIZIA ANIEM-CONFIMI: le retribuzioni degli apprenditi professionalizzanti

Pubblicato, da ANIEM-CONFIMI e dalle OO.SS. l’allegato al Verbale di accordo 28/10/2013, contenente le percentuali di retribuzione per gli apprendisti professionalizzanti, di cui al D.Lgs. 167/2011, delle piccole e medie industrie edili e affini.

 

L’accordo del 28/10/2013 aveva previsto i seguenti minimi retributivi:

LivelliMinimi 1/11/2013Minimi 1/11/2014Minimo 1/11/2015
1.677,961.731,961.785,96
1.510,161.558,761.607,36
1.258,481.298,981.339,48
1.174,571.212,371.250,17
1.090,681.125,781.160,88
981,611.013,201.044,79
838,99865,99892,99

 

In base alla nuova disciplina Apprendistato Professionalizzante – D.Lgs. n. 167/2011, seguono le nuove tabelle retributive degli apprendisti, il cui trattamento economico è determinato mediante l’applicazione delle deguenti percentuali calcolate sulla retribuzione del livello per il quale è finalizzato il relativo contratto e in relazione alle diverse qualifiche da conseguire:
– Liv. 2°: 1°sem. 80%; 2°sem. 85%; 3°sem. 90%; 4°sem. 90%.;
– Liv. 3°: 1°sem. 80%; 2°sem. 80%; 3°sem. 85%; 4°sem. 85%; 5°sem. 90%.;
– Liv. dal 4° al 7°: 1°sem. 80%; 2°sem. 80%; 3°sem. 85%; 4°sem. 85%; 5°sem. 90%; 6°sem. 90%.;
– Lav. artistiche: 1°sem. 85%; 2°sem. 85%; 3°sem. 90%; 4°sem. 90%; 5°sem. 90%; 6°sem. 95%; 7°sem. 95%; 8°sem. 95%.

 

Apprendisti Professionalizzanti Assunti dall’1/11/2013

 

LivelloDa meseA meseMinimi 1/11/2013Minimi 1/11/2014Minimo 1/11/2015
Artigianato 2112834,37861,22888,07
1330883,45911,88940,31
3148932,53962,54992,55
Artigianato 3112927,08956,91986,75
1330981,611.013,201.044,79
31481.036,151.069,491.102,84
Artigianato 4112998,381.030,521.062,64
13301.057,111.091,131.125,15
31481.115,841.151,751.187,66
216785,29810,56835,83
712834,37861,22888,07
1324883,45911,88940,31
3112872,54900,62928,70
1324927,08956,91986,75
2530981,611.013,201.044,79
4112939,66969,901.000,14
1324998,381.030,521.062,64
25361.057,111.091,131.125,15
51121.006,781.039,181.071,58
13241.069,711.104,131.138,56
25361.132,631.169,081.205,53
61121.208,131.247,011.285,89
13241.283,641.324,951.366,26
25361.359,141.402,881.446,62
71121.342,371.385,571.428,77
13241.426,271.472,171.518,07
25361.510,161.558,761.607,36

 

LATERIZI E LAPIDEI PICCOLA INDUSTRIA: ACCORDI NON FIRMATI DA CONFAPI

Rettifica delle sigle firmatarie relative ai Verbali di accordo Laterizi e Lapidei Piccola Industria.

A rettifica di quanto precedentemente pubblicato in merito al rinnovo dell’accordo del 3/2/2014 relativo ai dipendenti delle piccole e medie imprese produttrici di elementi e componenti in laterizio e quello del 16/1/2014 relativo ai dipendenti delle piccole e medie industrie di escavazione e lavorazione dei materiali lapidei, si specifica che ANIEM e ANIER non sono associazioni di categoria della Confapi, né tanto meno aderenti a tale Confederazione. Per cui i suddetti accordi sono stati firmati unicamente da ANIEM, ANIER e FENEAL-UIL, FILCA-CISL, FILLEA-CGIL.